Riunione dell’assessorato allo sviluppo economico con i titolari dei supermercati

Questa mattina l’Assessorato allo Sviluppo Economico ha organizzato una riunione, in videoconferenza, con i titolari dei supermercati della città.

Erano presenti il Sindaco Franco Ancona, l’Assessore Bruno Maggi, i Consiglieri comunali Maria Marangi e Vittorio Donnici, i titolari dei supermercati di Martina Franca e il presidente provinciale di Confcommercio Leonardo Giangrande.

Il settore, anche nella nostra città, è stato particolarmente impegnato in questa delicata fase, con tanti lavoratori che hanno garantito, insieme alle piccole attività alimentari, la possibilità di approvvigionamento per tutta la Comunità.

Nel corso dell’incontro, i partecipanti si sono confrontati su diverse tematiche con l’obiettivo di salvaguardare e tutelare  allo stesso tempo i dipendenti del settore e la qualità dei servizi offerti alla clientela.

L’Assessore allo Sviluppo Economico Bruno Maggi spiega ciò che è scaturito dalla riunione: “L’idea è quella di mettere a punto nelle prossime settimane un documento, condiviso e sottoscritto dai titolari dei supermercati, che vada a uniformare gli orari di apertura e chiusura dei punti vendita, nonché la scelta di aprire la domenica e nelle giornate festive. Mi complimento con tutti loro per la serietà e la collaborazione che stanno fornendo in un periodo di forte impegno lavorativo. Guardiamo al futuro ponendoci l’obiettivo di elevare la qualità dei servizi commerciali che vengono offerti, coordinando l’accesso ai servizi e puntando su modelli di vita salutari per tutti.”

Ringrazio a nome dell’Amministrazione comunale le lavoratrici e i lavoratori del settore alimentare che, garantendo i generi primari durante tutta la prima fase, senza mai fermarsi, si sono rivelati protagonisti silenziosi ma insostituibili per Martina Franca.” – sottolinea il Sindaco Franco Ancona. “Anche per questo settore abbiamo creato una piattaforma di dialogo e di partecipazione: si tratta di un metodo oramai consolidato, fondamentale per chi deve prendere decisioni ma riteniamo produttivo anche per gli stessi interessati che, possono utilizzare il confronto e il ragionamento per potersi, in alcuni casi, regolamentare e disciplinarsi in autonomia.”