Rientro a scuola in sicurezza: c’è una bozza del Piano regionale

La Cisl Scuola Puglia esprime “soddisfazione al termine dell’incontro di stasera con il Direttore USR Puglia Anna Cammalleri e gli assessori regionali Sebastiano Leo e Luigi Lopalco; quest’ultimo ha presentato una bozza di delibera per il rientro a scuola in sicurezza”.

Si tratta di una prima risposta concreta alle richieste da noi avanzate in questi mesi.
Diverse le misure indicate per il mondo della scuola pugliese. Dal prossimo 1° febbraio, team di operatori sanitari dovrebbero funzionare nelle scuole di ogni ordine e grado.

Le scuole pugliesi potranno disporre di detto personale per supportare tutte le misure individuali di protezione, ma principalmente per realizzare tutte quelle operazioni di tracciamento e di screening e, successivamente anche per la realizzazione del piano di di vaccinazione.
Con questa delibera e con l’ausilio di detti operatori sanitari, viene realizzato un Piano di screening con tampone rapido per tutti gli operatori scolastici ivi compreso il personale in servizio nella scuola dell’infanzia, con diritto ad uno screening anche quindicinale in caso di necessità.

Inoltre, considerato che il personale scolastico è inserito nel Piano di vaccinazione nella fase 2 se ad “alto rischio”, si ritiene che tale condizione sia la logica conseguenza del fatto che la scuola dev’essere in presenza. Affinchè possa realizzarsi tale piano di vaccinazione è indispensabile che il percorso vaccinale sia completamente autonomo.
Si tratterà di capire e di monitorare il funzionamento e le modalità applicative di questo Piano regionale per il rientro a scuola in sicurezza.

Di altrettanta importanza è aver appreso che, per effetto di una nuova delibera di giunta, sono ora “esigibili i finanziamenti regionali per i trasporti. In tal modo si potrà procedere al potenziamento delle corse e si potrà evitare lo scaglionamento degli ingressi a scuola”.
La Cisl Scuola esprime soddisfazione anche per tale intendimento con l’auspicio che non si tratti di una mera enunciazione di principio.
Restano da definire i dettagli tecnici oltre che il funzionamento dei tea, tenuto conto che la responsabilità della salute e sicurezza delle scuole resta in capo ai Dirigenti Scolastici.