Mandati tutti a Taranto per le seconde dosi. File, disagi e proteste alla Asl: arriva il cambio di programma

Lunghe code per fare il vaccino al Porte dello Ionio

Il Sindaco Franco Ancona e l’assessore regionale Donato Pentassuglia sono intervenuti presso il Dipartimento di Prevenzione dell’Asl di Taranto per chiedere di inoculare la seconda dose del vaccino Astrazeneca presso l’hub provinciale del Centro Servizi di Piazza d’Angiò.

Come noto, nei giorni scorsi c’era stata una riprogrammazione per giugno di tutte le secondi dosi di Astrazeneca presso il drive trough Porte dello Jonio di Taranto per tutti coloro che avevano ricevuto la prima dose da febbraio ad aprile 2021.

La decisione ha creato disagi ai cittadini del territorio ionico e ha provocato la lamentela degli utenti prontamente raccolta dall’Amministrazione che, quindi, ha chiesto alla Asl di rivedere la discutibile decisione.

Il dipartimento di prevenzione della Asl di Taranto ha comunicato che, dal 9 giugno, la somministrazione della seconda dose del vaccino astrazeneca sarà effettuata nell’hub di Piazza d’Angiò per i cittadini di Martina Franca e Crispiano. È in corso, dunque, una nuova riprogrammazione che consentirà da mercoledì di non recarsi a Taranto.

Sull’argomento interviene il Consigliere regionale Renato Perrini
“Accentrare tutti i richiami nell’hub vaccinale nel centro commerciale Auchan di Taranto è una scelta illogica, che sta creando notevoli disagi ai tarantini che, in questi giorni, sono chiamati alla seconda dose del vaccino anti covid.

“L’organizzazione della somministrazione delle prime dose nei vari hub sparsi su tutta la provincia era stata – nonostante i ritardi iniziali – un’ottima soluzione. Le attese venivano praticamente azzerate o tollerate, ma ora si sta verificando il caos. La zona del centro commerciale è praticamente presa d’assalto e gli orari di prenotazioni saltati, la gente aspetta ore ed ore, il clima si surriscalda e facilmente può precipitare.