Stadio, rottamazione cartelle e interventi urbani: approvate le variazioni di bilancio

Foto Piero Abbracciavento

Il Consiglio comunale di Martina Franca, con l’astensione delle opposizioni, ha approvato la variazione, la permanenza degli equilibri di Bilancio 2019/2021 e la bozza del DUP 2020/2022.

La maggioranza ha approvato il documento contabile nel quale sono state apportate alcune modifiche in coerenza con la programmazione e lo stato di avanzamento degli obiettivi fissati dal Governo cittadino per il 2019.

Nel dettaglio la variazione di bilancio più rilevante ha riguardato la previsione, per il triennio 2019/2021, di uno stanziamento annuo di 45.000,00 € (per un totale di 135.000,00 € ) per la gestione dello stadio Tursi nelle more della realizzazione del nuovo stadio al Pergolo, rispetto al quale è stato previsto, per il 2020 un mutuo di 2.800.000,00€ che si andranno ad aggiungere ai 500.000,00€ che il Comune riceverà grazie al finanziamento ottenuto con il “Bando Sport e Periferie 2018”.

Rivista al rialzo anche la previsione sui proventi dalla raccolta differenziata che passa da 500.000,00 a 750.000,00€.

Destinati, inoltre, in apposito capitolo di Bilancio, anche i 130.000,00€ di finanziamento ministeriale per la riqualificazione del plesso scolastico di Carpari e i 50.000,00€ finalizzati all’adeguamento dell’edificio Marconi sulle norme antincendio.

Da evidenziare anche due variazioni fortemente volute dall’Amministrazione Comunale: una finalizzata all’ampliamento dell’impianto di videosorveglianza (lo stanziamento è passato da 44.000,00€ a 74.000,00€) , e l’altra destinata alla manutenzione del patrimonio e dell’arredo urbano con un incremento del capitolo di quasi 150.000,00€ (che si vanno ad aggiungere ai 260.000,00€ già stanziati nel Bilancio di Previsione approvato il 1° marzo 2019).

Approvata  anche la bozza del Documento Unico di Programmazione 2020/2022, un adempimento previsto per legge  che, in attesa della legge di stabilità, è stata solo aggiornata a seguito dell’approvazione del Consuntivo 2018.

L’assise ha anche approvato il Regolamento per la rottamazione ter recependo quanto stabilito dal Decreto legge n.34 del 2019. Con questo Regolamento i cittadini potranno definire, con l’abbattimento delle sanzioni e degli interessi, le eventuali situazioni debitorie nei confronti dell’Ente relative a ingiunzioni ICI, IMU,TASI, TARSU, TARES, TARI e violazioni del codice della strada notificate entro il 31 dicembre 2017.