La Giunta approva il bilancio di previsione 2019

È stato approvato dalla Giunta comunale il Bilancio di Previsione 2019 e triennale 2019/2021 e la nota di aggiornamento del Documento Programmatico Preliminare.

Un bilancio che, considerando tutti i titoli, prevede complessivamente una dotazione di previsione di entrata e spesa pari a 99.398.944,15 euro.

Anche per il 2019 nessun aumento di imposte, tariffe e aliquote che rimangono di fatto invariate dall’inizio della gestione amministrativa targata Ancona. Si assiste anche per quest’anno a una lieve flessione delle tariffe della Tari. Garantiti tutti i servizi: dalla mensa, ai nidi, al trasporto scolastico senza alcun aumento di contribuzione da parte dell’utenza.

Un bilancio che guarda con attenzione soprattutto alla crescita e allo sviluppo della città considerati gli importanti investimenti previsti nei lavori pubblici e del decoro urbano, aspetto particolarmente sentito da parte dell’intera Amministrazione.

Alcuni degli interventi previsti sono:

  • la manutenzione sia ordinaria che straordinaria delle strade urbane ed extraurbane,
  • il rifacimento dei muretti a secco, interventi di decoro urbano,
  • la riqualificazione del quartiere San Michele,
  • i lavori di manutenzione del cavalcaferrovia,
  • la valorizzazione dell’anello extramurale,
  • la riqualificazione di diversi plessi scolastici,
  • la manutenzione straordinaria del Cimitero,
  • la realizzazione di tronchi idrici e gas,
  • l’adeguamento dell’auditorium Cappelli per renderlo ancora più funzionale,
  • la manutenzione  e la nuova segnaletica stradale,
  • la realizzazione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS).

Interventi che prevedono una spesa complessiva di oltre 2.300.000 euro che saranno finanziati in parte con mutui e la restante parte con oneri e l’utilizzo dell’avanzo di Amministrazione; si tratta, pertanto, di attività che potranno essere realizzate avendone già prevista la necessaria copertura finanziaria.

Un altro importante investimento, già finanziato, sarà finalizzato alla realizzazione di una rete di distribuzione delle acque reflue depurate, come, d’altronde, gli interventi finanziati dal bando Sisus che consentiranno l’adeguamento e la riqualificazione dell’ex Onmi, dell’ex Macello, di percorsi pedonali e di immobili del centro storico. Da sottolineare i 600.000 euro stanziati per far fronte alle agevolazioni e alle riduzioni della Tari.

Il bilancio sarà a breve sottoposto all’attenzione del Consiglio comunale per la proposta di definitiva approvazione.