La dermatite da stress è nemica della nostra salute

Quotidianamente uno dei termini più utilizzati per definire il nostro stato di benessere psicofisico è stress (dall’ inglese “sforzo”); questo continuo stato emotivo è continuamente riversato nella vita giornaliera ed è ora, considerato uno dei principali problemi per un sano e corretto stile di vita.

Numerosi i casi in cui lo stress è responsabile di fenomeni patologici derivati dalla “somatizzazione” su organi, cute e psiche e il sistema immunitario risulta particolarmente compromesso.

Tra i casi più diffusi, la dermatite da stress che si manifesta con sintomi molto fastidiosi e inestetismi a volte invalidanti (es. acne).  La dermatite si manifesta in maniera improvvisa, in concomitanza con un periodo di sovraffaticamento psicofisico ed emotivo.  Nonostante sintomi comuni, essa è diversa dalla dermatite allergica, causata, invece, dall’infiammazione della pelle a causa di una risposta immunitaria ad alcune sostanze nocive per il paziente.

I meccanismi che innescano la dermatite da stress non sono del tutto noti, ma la sintomatologia comprende: infiammazione della pelle, rossore, desquamazione, secchezza eccessiva, forte prurito, comparsa di bolle, foruncoli o puntini rossi.

Ai primi campanelli d’allarme è importante sottoporsi ad una visita dermatologica. Una volta esclusi altri fattori all’origine della dermatite, non resta che addolcire i sintomi e, soprattutto, agire sulla causa scatenante il disturbo.

La diagnosi di dermatite da stress viene eseguita escludendo altre cause quali l’esposizione ad agenti esterni, cause endogene ed alterazioni immunologiche. È probabile che lo stato di sovraffaticamento psicofisico ed emotivo possa giocare un ruolo centrale accanto ad altri fattori di base: la pelle rappresenta una valvola di sfogo di complessi meccanismi.

Intervenire sulla fonte di stress in modo efficace è necessario, imparando a rilassarsi e a ridurre la tensione con sport e meditazione, ottimi alleati, e anche una corretta alimentazione, dal giusto apporto di elementi antistress indispensabili (potassio, magnesio, ferro, calcio), fibre, frutta e verdure, e la riduzione di sostanze eccitanti  come caffè e alcol.

Ricordate che “la più grande arma contro lo stress è la  nostra capacità di scegliere un pensiero piuttosto che un altro” – W. James

Generalmente, la dermatite da stress scompare spontaneamente dopo un breve periodo, senza necessità di terapie specifiche. In presenza di sintomi molto fastidiosi, si pensa spesso di intervenire sulla dermatite con terapie topiche a base di cortisonici, anche se essi spesso possono portare a un peggioramento dei disturbi (effetto “rebound”).

Un alleato naturale è senz’altro l’aloe vera, il gel ricavato da questa pianta è un vero e proprio toccasana grazie alle sue proprietà cicatrizzanti, riepitelizzanti, idratanti, antinfiammatorie e lenitive. Saranno d’aiuto per calmare il rossore e ripristinare una corretta circolazione sanguigna anche la vite rossa, i mirtilli, e la camomilla.

Dott.ssa Emanuela Saracino – Ricercatrice CNR