Gestione in acuto dei traumi dei tessuti molli

Nella società odierna, una larga porzione della popolazione effettua attività fisica periodica. L’attività fisica ad alta intensità oppure per lunghi periodi di esercizio con una cattiva postura, può provocare problemi ai tessuti molli, come traumi e infiammazioni a muscoli, legamenti e tendini [1,2]. Questi decrementano la funzione dei tessuti molli e causano dolore, inducendo un impatto negativo sulle condizioni ottimali dell’individuo.

La riabilitazione dopo gli infortuni sportivi è importante

La riabilitazione dopo gli infortuni sportivi è dunque importante, proponendosi di direzionare ed aiutare il processo di recupero. Vari interventi sono possibili, tra cui le onde d’urto, la laserterapia, l’elettroterapia, le infiltrazioni e la crioterapia [3-8]. Tuttavia, il protocollo PRICE (Protection Rest Ice Compression Elevation) o meglio POLICE (Protection Optimal Loading Ice Compression Elevation), sostituito dalle recenti evidenze, rimane il metodo più immediato per gestire le problematiche in questione nei primi 3-7 giorni dal trauma. Il tessuto danneggiato deve essere protetto da un carico eccessivo che potrebbe rallentare il decorso di guarigione. Il riposo è necessario per ridurre la richiesta metabolica sul sito compromesso e per prevenire l’incremento dell’ematoma ed il gonfiore. La crioterapia (applicazione del ghiaccio ad uso terapeutico) è una comune modalità di trattamento utilizzata in queste problematiche. È molto diffusa, ma il preciso meccanismo fisiologico con il quale agisce non è del tutto chiaro. In più, il razionale per il suo uso nei differenti stadi del recupero, è parzialmente diverso. Nella fase acuta a seguito del trauma, il ghiaccio sembra possa servire per la riduzione della formazione dell’edema, inducendo vasocostrizione, e per ridurre i danni secondari alla carenza di ossigeno abbassando la richiesta metabolica del tessuto danneggiato [9,10].

Il raffreddamento cutaneo, inoltre, sembra avere un effetto analgesico, inibendo la velocità di conduzione nervosa [11,12]. L’ applicazione di ghiaccio per brevi periodi si inizia ad utilizzare anche nella fase sub-acuta per produrre simili effetti analgesici in modo da facilitare ed effettuare precocemente esercizi terapeutici più efficaci per il recupero dei traumi muscolari [13,14]. L’ uso combinato di ghiaccio ed esercizio terapeutico è stato denominato criocinetica [15]. La recente evidenza scientifica suggerisce che il ghiaccio in combinazione con l’esercizio terapeutico induce un’efficacia maggiore sul recupero di vari traumi dei tessuti molli, rispetto alla sola applicazione del ghiaccio [16]. La compressione, inoltre, limita la diffusione dell’edema per lo stravaso dei fluidi dai vasi danneggiati. In questo modo, controllando il diffondersi dell’essudato infiammatorio, potrebbe essere possibile ridurre la formazione di una cicatrice tissutale non funzionale ed assistere l’omeostasi dei fluidi interstiziali. L’elevazione dell’area colpita riduce la pressione locale ed il sanguinamento, promuove il drenaggio dell’essudato infiammatorio attraverso il sistema linfatico e riduce l’edema e le sue possibili complicanze [17]. Recentemente si suggerisce il carico ottimale rispetto al riposo, introducendo gradualmente un controllato stress meccanico che favorisce il recupero delle capacità atletiche [18]. In addizione a questa immediata gestione, potrebbe essere opportuno assumere farmaci anti-infiammatori non steroidei per le prime 48-72 ore; un’assunzione per un periodo maggiore potrebbe essere dannosa per il processo di guarigione. Farmaci glucocorticosteroidi dovrebbero essere evitati nelle contusioni dei tessuti molli, in particolare muscolari [19]. Rimane ad ogni modo necessario l’intervento di una figura professionale del settore in modo da valutare l’eventuale necessità di effettuare esami strumentali (imaging), di capire il meccanismo d’ azione del trauma (diretto o indiretto, danno strutturale o non strutturale) e gestire l’intervento conservativo o, in alcuni casi, chirurgico [20].


Studio di fisioterapia di Antonio Pulito

Via Rocco Goffredo 22

Martina Franca 74015 (TA)

antoniopulito.fisioterapista@gmail.com


Referenze

1. [Hart 1994]

Hart LE,  Exercise and soft tissue injury. Bailieres clinical rheumatology, 1994 Feb;8(1):137-48.

2. [Yeung et al. 2001]

Yeung EW, Yeung SS, Interventions for preventing lower limb soft-tissue injuries in runners. The Cochrane database of systematic reviews,  2001;(3):CD001256.

3. [Barata et al. 2011]

Barata P, Cervaens M, Resende R, Camacho O, Marques F, Hyperbaric oxygen effects on sports injuries. Therapeutic advances in muscoloskeletal diseas, 2011 Apr;3(2):111-21. doi: 10.1177/1759720X11399172.

4. [Costello et al. 2015]

Costello JT, Baker PR, Minett GM, Bieuzen F, Stewart IB, Bleakley C, Whole-body cryotherapy (extreme cold air exposure) for preventing and treating muscle soreness after exercise in adults. The Cochrane database of systematic reviews,  2015 Sep 18;(9):CD010789. doi: 10.1002/14651858.CD010789.pub2.

5. [Delbari et al. 2007]

Delbari A, Bayat M, Bayat M. Effect of low-level laser therapy on healing of medial collateral ligament injuries in rats: an ultrastructural study. Photomedicine and laser surgery, 2007 Jun;25(3):191-6.

6. [Inoue et al. 2015]

Inoue M, Nakajima M, Oi Y, Hojo T, Itoi M, Kitakoji H, The effect of electroacupuncture on tendon repair in a rat Achilles tendon rupture model. acupuncture in medicine: journal of the british medical acupuncture society, 2015 Feb;33(1):58-64. doi: 10.1136/acupmed-2014-010611. Epub 2014 Oct 21.

7. [Steinacker et al. 2001]

Steinacker T1, Steuer M, Use of extracorporeal shockwave therapy (ESWT)in sports orthopedics. Sportverltzung Sportshaden: Organ der Gesellshaft fur Orthopadish-Traumatologische Sportmedizin 2001 Jun;15(2):45-9.

8. [Topol et al. 2005]

Topol GA1, Reeves KD, Hassanein KM, Efficacy of dextrose prolotherapy in elite male kicking-sport athletes with chronic groin pain. Archives of physical medicine and rehabilitation, 2005 Apr;86(4):697-702.

9. [Deal et al. 2002]

Deal DN, Tipton J, Rosencrance E, Curl WW, Smith TL, Ice reduces edema: A study of microvascular permeability in rats. The Journal of Bone and Joint Surgery. American Volume, 2002, 84-A:1573-1578.

10. [Schaser et al. 1999]

Schaser KD, Vollmar B, Menger MD, Schewior L, Kroppenstedt SN, Raschke M, Lubbe AS, Haas NP, Mittlmeier T, In vivo analysis of microcirculation following closed soft-tissue injury. Journal fo Orthopaedic Reserach: official publication of the Orthopaedic research society, 1999, 17:678-685.

11. [Algafly et al. 2007]

Algafly AA, George KP: The effect of cryotherapy on nerve conduction velocity, pain threshold and pain tolerance. British Journal of Sports Medicine, 2007, 41:365-369.

12. [Chesterton et al. 2002]

Chesterton LS, Foster NE, Ross L, Skin temperature response to cryotherapy. Archives of Physical  Medicine and Rehabilitation, 2002, 83:543-549.

13. [Hayden 1964]

Hayden CA, Cryokinetics in an early treatment program. Physical Therapy 1964, 44:990-993.

14. [Knight et al. 2000]

Knight KL, Brucker JB, Stoneman PD, Rubley MD, Muscle injury management with cryotherapy. Athletic Therapy Today: the journal of sports health care professionals, 2000, 5:26-30.

15. [Grant 1964]

Grant AE, Massage with ice (cryokinetics) in the treatment of painful conditions of the musculoskeletal system. Archives of Physical Medicine and Rehabilitation, 1964, 45:233-238.

16. [Bleakley et al. 2004]

Bleakley C, McDonough S, MacAuley D, The use of ice in the treatment of acute soft-tissue injury: a systematic review of randomized controlled trials. The American Journal of Sports Medicine, 2004, 32:251-261.

17. [Järvinen et al. 2014]

Järvinen TA, Järvinen M, Kalimo H, Regeneration of injured skeletal muscle after the injury. Muscles, Ligaments and Tendons Journal, 2014,24;3:337-345.

18. [Bleakley et al. 2012]

Bleakley C, Glasgow P, MacAuley D, PRICE needs updating, should we call the POLICE? British Journal of Sports Medicine, 2012; 46: 220-221.

19. [Trojian 2013]

Trojian TH, Muscle contusion (thigh). Clinics in Sports Medicine, 2013 Apr;32(2):317-24. Doi: 10.1016/j.csm.2012.12.009.

20. [Maffuli et al. 2014]

Maffuli N, Del Buono A, Oliva F, Giai Via A, Frizziero A, Barazzuol M, Brancaccio P, Freschi M, Galletti S, Lisitano G, Melegati G, Nanni G, Pasta G, Ramponi C, Rizzo D, Testa V, Valent A, Muscle Injuries: A Brief Guide to Classification and Management. Translational medicine @ UniSa 2014 Sep 1;12:14-8. eCollection 2015 May-Aug.