Bonanni, il ristoratore di Amatrice che dopo il terremoto non si è arreso

Sarà a Martina Franca nei quattro giorni (dal 14 al 17 luglio) dell’evento GNAM, Daniele Bonanni, il ristoratore di Amatrice che, a causa del terremoto dello scorso anno, ha perso la madre, la sorella, il nipote e tanti amici. Inoltre anche il suo ristorante, il Ma-Trù, è andato distrutto.

Ha deciso di non andare via dal suo paese ed è impegnato per la sua ricostruzione. Per questo va in giro per parlare della sua Amatrice e per raccogliere fondi. Per questo sarà presente in uno stand per offrire il piatto tradizionale: l’amatriciana.

Grazie all’impegno degli organizzatori di GNAM, Francesco Mastrovito e Franco Zito, ha incontrato il neo vice sindaco, Stefano Coletta, e l’assessore allo sviluppo economico Bruno Maggi.

“Conoscere Daniele in pochi minuti mi ha suscitato una grande emozione – sono parole di Coletta- immaginiamo sempre che le catastrofi avvengano lontano da noi e invece sono molto vicine. E noi siamo naturalmente molto vicini a Daniele e alla gente di Amatrice, pronti a sostenerli in qualunque modo sia possibile. Abbiamo volentieri, appena insediati, concesso il patrocinio all’evento GNAM, sia per la sua valenza generale, è ormai alla quarta edizione, ma anche come segno di vicinanza a Daniele. E questa sera (inaugurazione ndr) saremo presenti”.

Ovviamente parole di sostegno ed incoraggiamento anche dall’assessore Maggi: “Con l’evento Gnam apriamo ufficialmente il cartellone estivo di Martina Franca, a pochi giorni dal nostro insediamento. Siamo particolarmente soddisfatti che nell’ambito di questo importante evento ci sia uno spazio per Amatrice e per Daniele Bonanni al quale confermo la personale vicinanza e quella della amministrazione di Martina Franca”.

A Margine dell’incontro c’è stato uno scambio di doni: Bonanni ha consegnato ai due amministratori la T-Shirt di Amatrice ricevendo, in segno di buon auspicio, un tradizionale pumo di ceramica.