Approvato dal Consiglio comunale il Piano per il diritto allo studio

Il Consiglio Comunale, in data 27 novembre 2018, all’unanimità ha approvato il Piano Comunale d’Intervento per l’attuazione del Diritto allo Studio e per la promozione del sistema integrato di educazione e istruzione relativo all’anno scolastico 2019/2020.

Centrale nella politica dell’Amministrazione comunale rimane l’istruzione con una spesa complessiva, per l’anno 2019, pari ad € 1.702.558,93 a fronte di una richiesta di contributo alla Regione Puglia di  € 661.287,85 per interventi in favore delle Scuole cittadine di ogni ordine e grado, incluso il sistema educativo 0-3 anni.

Restano confermati gli interventi relativi al servizio mensa per le Scuole di I grado (costo complessivo annuo di 436.000,00 euro), il trasporto scolastico per tutti gli studenti di ogni ordine e grado, in parte gestito dal Comune (spesa annua di € 380.595,79) e in parte da privati (€ 670.934,39), il contributo comunale a sostegno delle famiglie i cui figli frequentano i nidi comunali (spesa  complessiva di € 558.853,00), quelli per i libri di testo per i ragazzi delle scuole primarie (€ 75.000,00) e secondarie (contributo regionale di € 81.024,60), i sussidi scolastici e speciali, le attrezzature didattiche per disabili (€ 20.000,00) e gli interventi a favore dell’inserimento degli stessi (€ 20.000,00).

Al fine di garantire un più adeguato livello di sicurezza agli alunni delle scuole primarie e secondarie di I grado che si recano a scuola, l’Amministrazione Comunale ha stanziato 70.000 euro per il servizio Civile per Anziani che vigileranno nei pressi delle scuole e dei nidi comunali  negli orari di ingresso/uscita ma anche all’interno dei giardini pubblici.

Sono previste, inoltre, risorse per garantire servizi agli alunni immigrati (Sportello per l’immigrazione, laboratori di lingua – € 35.000,00 a carico del Piano Sociale di Zona) e per prevenire il disagio sociale: inserimento di minori in Centri educativi Diurni (per una spesa di circa € 300.000,00), Convenzione con i Centri polivalenti per Minori (€ 100.000,00), adesione al progetto “Connettiv@mente” per contrastare il cyberbullismo.

Sono stati, inoltre, programmati i seguenti progetti: Pedibus, di concerto con l’Assessorato alla Sicurezza e Mobilità con la Polizia Locale e gli Educatori di Associazione di Volontariato, per favorire l’educazione stradale con i ragazzi che si approcciano a diventare utenti autonomi della strada sia come Pedoni che come guidatori di veicoli; Laboratori Verdi per sensibilizzare verso una coscienza ecologica; La mia città, la mia lingua, la mia storia per favorire uno studio più rigoroso del patrimonio storico, artistico e linguistico della città; Educazione alla Lettura per una “Città che legge”

“Questo Piano integra il Diritto allo studio con la promozione del sistema integrato di educazione e istruzione con l’obiettivo di realizzare sempre più le legittime aspirazioni degli alunni e le aspettative delle loro famiglie e una formazione civica, culturale e sociale sana ed equilibrata in modo che i giovani possano diventare veri soggetti attivi in grado di esercitare pienamente i diritti di cittadinanza enunciati nella Costituzione. Un ringraziamento al Consiglio comunale che ha votato all’unanimità questo provvedimento e, in modo particolare, ai Consiglieri della Commissione Consiliare che, con i dipendenti comunali, hanno lavorato con costanza e dedizione alla stesura del Piano”, dichiara l’assessore per il Diritto allo studio, Antonio Scialpi.